Dieci modi per migliorare la salute e benessere Sulla base degli ultimi Brain Science e Neurotecnologie

Copyright (c) 2014 SharpBrains

Il mese scorso ho avuto la fortuna di partecipare oltre 1.900 pionieri provenienti da 90 paesi al meeting annuale del World Economic Forum a Tianjin, in Cina, per discutere di come l’innovazione può migliorare lo stato del mondo.

Nel corso centinaia di pannelli, workshop, riunioni private e incontri sociali, abbiamo esaminato come affrontare il cambiamento climatico, come investire in infrastrutture pubbliche, come per regolare meglio i servizi finanziari, e decine di altri argomenti urgenti. Nell’affrontare questi problemi, tutti – indipendentemente dalla nazionalità o disciplina – portato al tavolo il nostro bene più prezioso: la sorprendente cervello umano.

Durante le sessioni di stimolare e accattivanti abbiamo esplorato le nuove frontiere nel campo delle neuroscienze. Un focus di rilievo è stato di circa il modo neurotecnologie emergenti, come quelli abilitati dalla Casa Bianca CERVELLO iniziativa, contribuirà a individuare e registrare l’attività cerebrale in dettaglio senza precedenti e, di conseguenza, a rivoluzionare la nostra conoscenza del cervello e la mente.

In parallelo, i funzionari governativi di alto rango ed esperti di salute sono riuniti di brainstorming su come “massimizzare anni di vita in buona salute.” La conversazione ruotava intorno la salute fisica e promuovere stili di vita positivi, ma era in gran parte in silenzio sui temi della salute cognitiva o emotiva. Il cervello, quella chiave bene tutti hanno bisogno di imparare, risolvere problemi e fare buon-decisioni, e le neuroscienze cognitive associate in cui si è verificato così molti progressi nel corso degli ultimi due decenni, sono ancora in gran parte assenti dall’agenda di salute.

Che cosa succede se esistenti ricerca sul cervello e neurotecnologie non invasive può essere applicato per migliorare la salute pubblica e il benessere? Come possiamo iniziare a costruire ponti migliori dalla scienza esistenti e le tecnologie per affrontare il problema reparti sfide di salute del mondo reale che stiamo affrontando?

Una buona notizia è che una trasformazione è già in corso, anche se sotto il radar. Come eloquentemente detto William Gibson, “Il futuro è già qui – non solo è molto uniformemente distribuita.” Gli individui e le istituzioni di tutto il mondo sono attesi a spendere più di $ 1,3 miliardi nel 2014 a soluzioni web-based, mobili e biometria-based per valutare e migliorare la funzione del cervello. La crescita è pronta a continuare, alimentata da emergente mobile e neurotecnologie non invasive, e dei consumatori e le richieste dei pazienti per l’auto-guidato, la cura del cervello proattivo. Ad esempio, l’83% delle intervistate early-adopters concordano sul fatto che “gli adulti di tutte le età dovrebbero farsi carico della propria forma fisica del cervello, senza aspettare che i loro medici per dire loro di” e “personalmente fare una breve valutazione ogni anno come mentale annua verifica.”

Si tratta di 10 priorità da prendere in considerazione, se vogliamo migliorare la salute e il benessere basato sulla più recente neuroscienza e neurotecnologia non invasiva:

1. Trasforma il quadro della salute mentale, da una costellazione di diagnosi, come l’ansia, la depressione, l’ADHD … per l’identificazione e rafforzamento delle specifiche circuiti cerebrali ( “cellule che si accendono insieme filo insieme”) che possono essere carenti. Questo è ciò che il quadro Criteri di dominio di ricerca, messo avanti dal National Institute of Mental Health, sta cominciando a fare.

2. Portare pratiche meditative al mainstream, attraverso programmi nelle scuole e aziendali, e sfruttando sistemi biometrici relativamente poco costoso,

3. cooptare attività pervasive, come ad esempio la riproduzione di videogiochi … ma in modo tale da garantire che hanno un effetto benefico, come ad esempio con i giochi di formazione cognitivi specificamente progettati per prolungare la vitalità cognitiva con l’età

4. Offrire psicoterapie basate su web, come gli interventi di prima linea per la depressione e l’ansia (e probabilmente l’insonnia), come raccomandato dal National Institute del Regno Unito per la salute e la cura di eccellenza.

5. Monitorare gli effetti collaterali cognitivi ed emotivi negativi provenienti da una varietà di interventi medici, al fine di garantire gli effetti non intenzionali della cura non sono più afflittiva di condizione originale della persona trattata. Dato che la US Food and Drug Administration appena cancellato una valutazione della salute del cervello cellulare innovativo, ciò che impedisce un più ampio uso di valutazioni di base e monitoraggio attivo della cognizione come un individuo inizia un particolare programma di trattamento o farmaci?

6. Combinare interventi farmacologici (bottom-up) con formazione cognitivo (top-down) come il CogniFit – Bayer collaborazione per i pazienti con sclerosi multipla

7. Aggiornamento quadri normativi per facilitare l’adozione sicura di neurotecnologie consumo di marcia. Start-up Thync appena raccolto $ 13 milioni di dollari per commercializzare la stimolazione transcranica nel 2015, per aiutare gli utenti “alterano il loro stato d’animo.” Questa non è una richiesta medica per sé … ma fa la tecnologia devono essere regolati come un dispositivo medico?

8. investire più dollari per la ricerca per mettere a punto metodi di stimolazione del cervello, come la stimolazione magnetica transcranica, per consentire la medicina veramente personalizzata.

9. Adottare grandi modelli di ricerca di dati, come ad esempio la UCSF cervello Registro Salute recentemente annunciato, di scavalcare il piccolo modello di sperimentazione clinica esistente e ci avvicinarsi verso la realizzazione personalizzata, cura del cervello integrato.

10. E, ultimo ma non meno importante, promuovere l’esercizio fisico e l’educazione bilingue nelle nostre scuole, e ridurre i tassi di abbandono. Migliorare e arricchire le nostre scuole è forse il più potente intervento sociale (e la neurotecnologia non invasiva originale) per costruire tutta la vita problemi di riserva cerebrale e ritardo portati da invecchiamento cognitivo e la demenza.

Se vogliamo che ogni cittadino ad adottare stili di vita più positivi, soprattutto perché ci troviamo di fronte vita più lunga e più impegnative, è imperativo che noi meglio potenziare e dotarci delle risorse e gli strumenti cognitivi ed emotivi di destra. Iniziative come quelle sopra sono un inizio significativo per visualizzare e trattare il cervello umano come una risorsa per investire in tutta la durata della vita umana, e per massimizzare veramente anni di vita sana, funzionale e significativo.

Cerchiamo di rafforzare ponti esistenti – e costruire quelli nuovi necessari – per migliorare la nostra salute collettiva e il benessere.

Leave a Reply